Le ragioni del Sì, del No, ma anche del Boh, del Noncivo e del Chisenefrega

Domani, lunedì 17 ottobre, è previsto a Siena l’ennesimo incontro sul referendum. Ci saranno esponenti del e quelli del No, che si confronteranno in accesi testa a testa.

Giusto e ben fatto organizzare simili incontri, che rischiano però di vedersi parlare addosso sempre i soliti. Poi vai per la strada, parli con la gente, e le ipotesi prevalenti per il 4 dicembre sono il Boh, il tanto Noncivo a votare, e soprattutto il Chisenefrega.

Ritengo che voler mantenere la democrazia comporti lo sforzo di accettare di partecipare ad ogni competizione elettorale e referendaria, e che gli astenuti siano solo pavidi Ponzio Pilato.

Penso, però, che se l’astensionismo ha raggiunto i picchi odierni sia arrivato il momento di ascoltare anche le ragioni di chi in cabina elettorale non vuole entrare.

Ed allora sarebbe giusto dare voce, ed ascoltare, anche i menefreghisti del Boh, i talebani del Noncivo, ed i disfattisti del Chisenefrega. Forse dando loro voce si riuscirebbe meglio a capire cosa c’è veramente da cambiare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.