Usa vs Italy: come riusciremmo ad imbrogliare le carte

Non sono un’esperta di elezioni americane ma due o tre cosette mi ricordo di averle studiate.  Intanto negli Stati Uniti si vota di martedì. Non la domenica cercando bene di scegliere il fine settimana più consono alle proprie strategie, ma il martedì successivo al primo lunedì di novembre. Sempre, da 45 presidenti a questa parte.

E non è che gli elettori si trovano davanti una scheda con scritto Clinton da una parte e Trump da un’altra, bensì due liste di Grandi Elettori, una che fa capo ad un candidato e l’altra all’altro. Ogni stato ha un tot di Grandi Elettori da poter eleggere, proporzionalmente alla popolazione, e sono eletti solo quelli della lista vincente. Può essere quindi che Hilary abbia avuto una caterva di voti in stati fedeli, anche distanziando di molto l’avversario, e poi abbia perso per un soffio in tutti gli altri. In questo caso, come è realmente successo, il numero complessivo dei voti per le liste della Clinton possono anche essere di molto superiori a quello dell’avversario (si dice 40mila), ma la sconfitta anche di un solo voto negli altri stati non le ha permesso di “metterci la bandierina”.

In realtà potremmo anche dire che ad oggi il presidente degli Stati Uniti non è stato ancora eletto, perché lo sarà solo a metà dicembre, quando a votare saranno questi Grandi Elettori. E lo faranno con voto segreto.

Allora: Trump ha guadagnato 306 Grandi Elettori, Clinton 232. La differenza fa 74.

Se si fosse in Italia da oggi a metà dicembre potremmo assistere a 50 Grandi Elettori di Trump che ci ripensano ed entrano nel gruppo misto, 30 che annunciano che al momento della votazione usciranno dall’aula, un’altra ventina pronti a tirar fuori un problema di coscienza per giustificare che si asterranno, una dozzina non si presenteranno proprio perché hanno di meglio da fare.

Allo stesso tempo un consistente gruppo di Grandi Elettori di Hilary Clinton inizierebbe a strizzare l’occhio a Trump per vedere di non restare tra i trombati,  un manipolo di fuoriusciti formerebbe un altro gruppo misto antagonista, la fronda di Ponzio Pilato annuncerebbe di poter decidere solo all’ultimo minuto e così via. In Italia. E per un mese si assisterebbe ad un balletto di compravendita di voti per restare ancora nell’incertezza politica assoluta.

In America no. Trump ha già vinto, Hilary ha già perso.

Hilary non ha calcolato algoritmi fantascientifici per sentenziare che ha vinto anche se ha perso e si è guardata bene da affermare che la sconfitta è solo una vittoria venuta male.

Hilary ha detto che Trump adesso è il suo presidente, ha invitato tutti, anche i delusi, a lavorare insieme per l’America.  Ha anche affermato che Donald Trump dovrà essere accettato da tutti “perché questo rientra nei valori americani”, ed è arrivata ad affermare che “dobbiamo proteggere il nostro nuovo presidente perché per mantenere grande questo paese bisogna lavorare tutti insieme”.

Chapeau, questa è l’America. Noi siamo l’Italia.

Un pensiero su “Usa vs Italy: come riusciremmo ad imbrogliare le carte

  1. Pingback: Editoriale de Il santo con Rassegna Stampa – IL CORTI PIANIFICA E REGOLA… 6XNOI O 380XVOI? Minucci rinviato a giudizio, ma tanto non è colpa di nessuno tranquilli… | IL SANTO NOTIZIE DI SIENA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.