Sbeffeggiata dai ciclisti che scorrazzano per il Corso

Ore 11,25, piazza Tolomei. Un gruppo di ciclisti con maglie piene zeppe di sponsorizzazioni percorre via del Moro in controsenso, sbuca in piazza Tolomei e gira per Banchi di Sopra verso piazza Matteotti. Tutti rigorosamente in sella alle loro bici. Nella svolta uno dei ciclisti colpisce un passante. Giusto il tempo di farsi mandare a quel paese e il ciclista riparte pedalando.

Ore 13, Casin dei Nobili, in piena Y storica. Un gruppo di ciclisti con maglie piene zeppe di sponsorizzazioni percorre Banchi di Sopra verso piazza del Campo zigzagando tra i passanti. Sono una rompipalle nata e non so stare zitta. Mentre passano gli dico: “E’ vietato…”. Il ciclista mi guarda con risolino beffardo e prosegue.

Il gruppo si ferma davanti al Casin dei Nobili per decidere dove altro girovagare. Li raggiungo e spiego che su questa strada non si può andare in bici. Esiste il divieto. Davanti ad un buon numero di testimoni il gruppo mi apostrofa dicendo di farmi gli affari miei, mi chiede a presa in giro se come lavoro faccio quello di rompere i coglioni a tutti coloro che buttano una carta in terra. Fanno ironia, anzi si sentono offesi, quando dico che le scorribande per le vie centrali sono vietate.

E dicono anche che non hanno visto nessun divieto, che da nessuna parte è scritto che a Siena non si possa viaggiare in bici per le vie del centro, e che tanto non hanno trovato nessun vigile e che l’unica rompi palle sono io.

Certo non sto zitta, e replico che io, se vado in un’altra città e qualcuno mi fa presente che sto contravvenendo a qualcosa, da persona civile ed educata mi scuso e provvedo a mettermi in regola. Come parlare al vento: un colpo di pedale e via, in giù verso Banchi di Sotto, sghignazzando come matti indicandomi un’altra coppia di ciclisti che passa tranquilla.

Ho vissuto in città dove la cultura della bicicletta è radicata. Dove si fa tutto in bici, e la usavo anche io. Da nessuna parte ho visto una tolleranza simile nei confronti di chi contravviene ai divieti. In nessuna di queste città qualcuno si sognerebbe di pedalare per il centro e sentirsi in diritto di farlo. Ovunque si scende e si spinge la bici a mano.

Non odio i ciclisti, odio che per dare l’immagine di una città smart si permettano simili comportamenti. E non do tutta la colpa ai ciclisti maleducati. Di una cosa hanno ragione: siccome loro sono duri, bisogna mettere una segnaletica più chiara. Il divieto di andare in bici è solo all’inizio del Corso, quando siamo già in piazza Salimbeni. Ed è addirittura un cartello più piccolo di quelli usuali. Dagli altri accessi il divieto è generico. Ripeto: sono duri, quindi mettiamo cartelli specifici anche all’arco dei Rossi, agli accessi dai vicoli di via dei Termini, in piazza Tolomei….

A meno che l’intento non sia proprio quello di voler tollerare questi comportamenti. E un vigile per il Corso teniamocelo ogni tanto, anche se ho la prova certa che anche loro hanno difficoltà ad inseguire a piedi chi pedala a velocità e non ha nessuna intenzione di fermarsi.

Di una cosa, politici tutti, siate certi: ai senesi questi comportamenti non piacciono. A tollerarli guadagnerete un posto in paradiso da parte dei ciclisti, ma perderete un bel po’ di laicissimi voti da parte dei senesi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...