Il più grande attentato della storia

Il più grande attentato della storia sarebbe riuscire a spegnere la rete. Basterebbe spingere un pulsante per avere il mondo in mano e per mettere in ginocchio qualsiasi avversario.

Credo che qualcuno ci abbia già pensato e per questo non capisco perchè si spenda tanto ad armarsi di bombe atomiche. Nessuna bomba potrà avere mai lo stesso effetto devastante di pigiare il bottone dell’up rete totale.

Incredibile che una riflessione così mi possa essere venuta leggendo l’ultima fatica di Maurizio Boldrini che parla di comunicazione. Eppure…

Dopo decenni durante i quali siamo stati ad inseguire una globalità sempre più coinvolgente, diventeremmo di punto in bianco nudi davanti al buio totale di ciò che ormai ci collega non solo con il mondo, ma con la nostra nazione, la nostra città e finanche con i nostri amici.

Senza la rete non avrebbero senso le guerre, gli attentati, addirittura le leggi, perchè ormai non sappiamo più relazionarci con le distanze. Ogni nostra conoscenza, ed anche ogni nostra coscienza, viene dalla rete.

Ci troveremmo a dover parlare guardando le persone negli occhi, a convincere con parole pronunciate anzichè scritte, ci troveremmo anche a picchiarci, spararci, minacciarsi, ma solo con il corpo a corpo. E non lo sappiamo più fare.

Un solo clic e dovremmo ricominciare tutto da capo. Anche a fare informazione, spostandoci, vedendo con i propri occhi, testimoniando di presenza. E poi parlando ad una cerchia più stretta, quasi intima.

Lo so che le guerre ci sono state, pure terribili,  prima della rete, ma non sapremmo più farle, perchè non avrebbe senso combattere per qualcosa che gli altri non sanno.

Io mi sveglio la mattina e, ancor prima di scendere dal letto, controllo whatsapp e facebook. Come me diversi milioni di persone. Milioni di persone che si connettono al mondo e che domani, con quel clic, si troverebbero a dover dire solo ‘buongiorno’ a chi hanno vicino.

Grazie dell’incubo serale, Maurizio….

Annunci