Covid e vaccinazioni, la barzelletta dei 100 euro

Le cose si fanno all’italiana, anche quando in ballo c’è la salute di un’intera popolazione. In Austria, per chi non si vaccina, è prevista una sanzione di 600 euro, con verifica, ed ulteriore multa, ogni tre mesi per i prossimi due anni: in totale fanno 4800 euro. In Grecia la multa per i no Vax è di 100 euro al mese. Mano pesante nelle Filippine: chi non si vaccina non può uscire di casa, pena l’arresto.

In Italia si sbandiera l’obbligo vaccinale e poi si liquida il no vax con una tassa di 100 euro una tantum ed una pacca sulla spalla, e solo agli over 50. Cento euro, che saranno richieste dall’Agenzia delle Entrate, poco meno del canone tv o di due multe per divieto di sosta, molto meno di un eccesso di velocità, che equivalgono ad una tassettina in più da pagare in un anno. E che vuoi che sia… Nulla per chi è disposto a pagare abbonamenti mensili per tamponi a 250 euro.

All’italiana dunque, e per l’ennesima volta.

Meglio sarebbe stato non mettere nessuna multa. Esiste un obbligo vaccinale e tu non ti sei adeguato? Quindi significa che rinunci a quello che la sanità pubblica prevede. E così, se ti ammali, ti paghi la parcella del dottore, anche quello di base, le medicine, ed eventualmente anche le cure ospedaliere. Se non esiste obbligo per te, di adeguarti alle leggi, non vedo perchè dovrebbe esistere obbligo di gratuità di cura nei tuoi confronti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.