Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire

Il post sugli assembramenti in Piazza del Campo ha suscitato polemiche a mai finire. E come al solito qualcuno l’ha anche buttata in politica. Cosa più sbagliata non esiste. Ma d’altronde il proverbio ha proprio ragione: “Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire“.

Al di là della disquisizione sugli orari, e ben sapendo i sacrifici che stanno affrontando i bar e i ristoranti, che sono entità fatte di persone (titolari che devono far quadrare i conti e dipendenti che rischiano il posto di lavoro), è necessario prendere atto che questi giovani che si ostinano a non uniformarsi alle disposizioni (distanziamento, divieto di assembramento e dispositivi di prevenzione) creano problemi soprattutto agli esercenti. Sono loro le prime vittime e quelli che dovrebbero arrabbiarsi di più.

Se quella linea dei contagi continuerà a salire, le limitazioni aumenteranno e tutti noi, che un cocktail in Piazza a buio non andiamo a farcelo, ne pagheremo le conseguenze ECONOMICHE.

Spiegatemi il senso di una frase che ho letto: “Stare tutti segregati in casa, tra Dad, sport fermo, società di contrada chiuse è la soluzione migliore per morire di ignoranza, asocialità e sedentarietà”.

Stare in casa, o uscire rispettando le norme, è segno di civiltà e rispetto civico che andrebbe insegnato ed apprezzato nei giovani. Non farlo allunga i tempi di Dad, sport fermo, società di contrada chiuse (e poi mancanza di turismo, prioritario per la nostra città), cose delle quali ne abbiamo tutti, non solo i giovani, le p..le piene e che mette in difficoltà non solo bar e ristoranti, ma anche estetiste, negozi di abbigliamento e di souvenir, guide turistiche, gestori di palestre, musei, trasporti… e poi, la più importante, medici e sanità in genere.

Quindi pensateci bene prima di difendere simili comportamenti, perchè il piacere lo fate solo ai like dei vostri profili.

Primo giorno da liberi ed inno all’idiozia

Voglio tornare a vivere una vita NORMALE, voglio tornare a USCIRE, voglio tornare soprattutto a poter LAVORARE.

Non sono una paranoica, non sono un’allarmista, ma le immagini apparse sui social dimostrano che le persone o le costringi con la forza e le regole ferree, o non riescono ad autoregolamentarsi.

La prima domenica da liberi è stata un inno all’idiozia. Nulla di male a tornare in Piazza del Campo, nulla di male a vedere gli amici, a fare un aperitivo, a riassaporare un po’ di normalità.

Ma cosa spinge a stare a cinquanta centimetri gli uni dagli altri e a tenere la mascherina ovunque ad eccezione che davanti a naso e bocca? Cosa abbiamo capito da questi due mesi di chiusura totale? Nulla. Anzi sì: che non meritiamo alcuna fiducia.

Puntiamo sulla fortuna per non far tornare i contagi, perchè sull’intelligenza proprio non possiamo contare.